Organizzazione Aziendale, Consulenza Aziendale Bologna

Lean Production (Lean Manufacturing)

La Lean Production (più propriamente Lean Manufacturing) costituisce un insieme di principi e di metodi che, applicati in modo organico, consentono di portare all’eccellenza i processi operativi dell’azienda.

Lean Manufacturing

La Lean Production (“Produzione snella”) fu concepita presso gli stabilimenti Toyota a partire dagli anni ’50, e solo nei primi anni ’90 venne studiata e codificata dagli esperti statunitensi Womack e Jones. In Italia è ancora poco diffusa, nonostante le sue elevate potenzialità per il miglioramento dei sistemi produttivi.

La Lean Production è costituita da cinque principi di base e da un insieme di tecniche che ne permettono l’applicazione.

Lean Production e Lean Manufacturing: i cinque principi guida

Lean Manufacturing - i cinque principi

Coerentemente con i cinque principi, gli obiettivi della Lean Production sono:

  • individuare le attività che generano valore per il cliente;
  • mappare il flusso del valore (value stream mapping);
  • minimizzare gli sprechi, ovvero le attività senza valore aggiunto (muda);
  • “creare il flusso” delle attività che generano valore;
  • fare in modo che il flusso sia “tirato dal cliente” (pull);
  • adeguare la capacità produttiva al ritmo della domanda (takt time);
  • minimizzare i tempi di setup (tramite la tecnica SMED);
  • abbattere il lead time di produzione (tempo di attraversamento);
  • ridurre al minimo le scorte di semilavorati (supermarket e sistema kanban);
  • introdurre controlli in processo e sistemi a prova di errore (poka-yoke);
  • implementare sistemi di controllo visivo (visual management);
  • attivare un ciclo di miglioramento continuo (kaizen).

La Lean Production non va intesa come un approccio rigido ed univoco, ma come un insieme organico di tecniche che vanno modulate ed adattate alla specifica realtà produttiva.

Le principali tecniche della Lean Production

Lean Production, Lean Manufacturing

Tramite la Lean Production è possibile ottenere, a fronte di investimenti limitati, significativi miglioramenti rispetto a numerosi fattori chiave:

  • riduzione tempi di consegna e aumento puntualità (livello di servizio);
  • aumento efficienza e produttività delle risorse;
  • diminuzione costi di lavorazione;
  • aumento livello di qualità;
  • incremento flessibilità alle variazioni del mix;
  • riduzione delle scorte intermedie e finali;
  • e così via.

Nonostante l’elevatissimo potenziale, la Lean Production (nota anche come Toyota Production System) è ancora relativamente poco diffuso presso le aziende italiane. Infatti, la focalizzazione sulla riduzione delle attività che non aggiungono valore (gli sprechi) tende a mettere in discussione la tradizionale logica di produzione “per lotti e code” in favore di una produzione quanto più possibile “a flusso”.

Le tecniche della Lean Production non implicano però necessariamente, come erroneamente si può pensare, l’esistenza linee di produzione dedicate alle famiglie di prodotti, ma possono essere applicate con successo anche laddove vi è una organizzazione per reparti specializzati o per isole.

In questi contesti si possono ottenere grandi benefici affiancando alla Lean Production l’approccio suggerito dalla Teoria dei Vincoli (Theory of Constraints – TOC) di E.Goldratt. Infatti, la Teoria dei Vincoli fornisce valide indicazioni per la gestione dei colli di bottiglia e delle risorse critiche (Drum Buffer Rope), permettendo la creazione di un flusso “virtuale” anche nei contesti dove è difficile dare luogo ad un flusso fisico continuo.

La Teoria dei Vincoli è del tutto complementare alla Lean Production, e l’applicazione congiunta dei due metodi permette di ottenere ottimi risultati in qualsiasi ambito produttivo, nella produzione a flusso continuo fino alla produzione per singola commessa, ed in tutte le possibili configurazioni (produzione per reparti, per linee, per celle, a postazione fissa etc.).

La sinergia tra la Lean Production e la Teoria dei Vincoli

Lean Manufacturing

In molti contesti, l’applicazione delle tecniche del Lean Production e della Teoria dei Vincoli può essere realizzata semplicemente rivedendo i metodi di lavoro, riprogettando il layout produttivo e adeguando il sistema di pianificazione, con investimenti decisamente contenuti.

Nella maggior parte dei casi si fa uso dei mezzi produttivi già esistenti, e questo permette un ritorno dell’investimento estremamente rapido ed un vantaggio stabile nel tempo.

Infine, è importante sottolineare le metodologie del Lean Production pur essendo state concepite in ambito manifatturiero, possono essere applicate con successo anche negli uffici e nei processi di erogazione di servizi (vedi a questo proposito la pagina tematica sul Lean Office).

L’erogazione di un servizio è infatti un processo produttivo al 100%, le cui criticità (carichi di lavoro, flussi, colli di bottiglia, ottimizzazione delle risorse, livello di servizio etc.) sono fortemente analoghe a quelle della produzione in senso stretto, rendendo queste tecniche applicabili con successo.

Paolo Di Medio

Paolo Di Medio

Paolo Di Medio

Laureato in Ingegneria dei Processi Gestionali, sono consulente aziendale dal 2005. Sono specializzato in Operations Management e possiedo competenze ad ampio raggio nell'ambito del miglioramento organizzativo, in realtà sia manifatturiere che di servizio. Come attività complementare, svolgo docenze sia in corsi aziendali che interaziendali. Sono ideatore e manager di questo blog.
Paolo Di Medio

Articoli correlati

Kanban: linea guida per il dimensionamento e l’implementazione

Kanban: linea guida per il dimensionamento e l’implementazione

Il Kanban, tecnica della Lean Production, è un semplice strumento “pull” per il richiamo di materiali, semilavorati o gruppi dalle fasi a monte. Vediamo alcune indicazioni per implementare e dimensionare correttamente un sistema Kanban.

leggi tutto

I Cinque Principi della Lean Production

I Cinque Principi della Lean Production

In questo articolo esamineremo i 5 Principi di base della Lean Production (e del Lean Thinking più in generale), ovvero gli “assi di riferimento” del miglioramento secondo la filosofia Lean.

leggi tutto

Eliminare gli sprechi in produzione – parte seconda

Eliminare gli sprechi in produzione – parte seconda

Seconda parte dell’articolo sugli sprechi in produzione e su come abbatterli secondo la “filosofia” del Lean Thinking.

leggi tutto

Eliminare gli sprechi in produzione – parte prima

Eliminare gli sprechi in produzione – parte prima

Gli sprechi sono attività che consumano risorse e non generano valore. Vediamo quali sono e come si possono eliminare secondo il Lean Thinking.

leggi tutto

Just In Time: facciamo un po’ di chiarezza

Just In Time: facciamo un po’ di chiarezza

Il Just In Time (letteralmente: “appena in tempo”) prevede l’adattamento al mix e ai volumi della domanda, ma è necessario limitare le irregolarità trasferite sul sistema produttivo.

leggi tutto